Sistema mirrorless Canon EF-M: il nostro punto di vista

A pochissimi giorni dal lancio della nuova mirrorless di casa Canon, la EOS M50, ho deciso di dedicare un intero articolo allo stato dell’arte riguardante il sistema mirrorless che Canon sta portando avanti: il Canon M con attacco EF-M

Spesso e volentieri noi editori del blog releghiamo il colosso giapponese a semplice comparsa nel “mondo mirrorless” e la domanda sorge spontanea: cosa ci porta ad essere tanto critici rispetto a tale sistema?

Ad essere onesti non ho mai provato nessuna delle mirrorless di casa Canon, quindi non mi permetterò di esprimere giudizi sulle differenze tra i vari aspetti tecnici, comparazioni tra sensori e qualità d’immagine. Mi limiterò ad analizzare la filosofia che c’è (ma che secondo il mio punto di vista “non c’è”) attorno al mondo EF-M.

Partiamo da una domanda, sviluppata per i vari potenziali acquirenti:

  • Sono un possessore Reflex Canon: cosa dovrebbe spingermi a passare a mirrorless Canon?
  • Sono un possessore di mirrorless di altro marchio: quali sono i punti di forza del sistema EF-M rispetto al mio?
  • Mi sto avvicinando al mondo della fotografia: perchè dovrei scegliere mirrorless Canon rispetto ad altro?

Tutte domande alle quali, il sottoscritto non trova alcuna risposta.

Mirrorless è una filosofia. Chi si avvicina a questo modo di pensare cerca determinate cose: compattezza senza rinunciare alla qualità, ottiche di livello dedicate, funzioni innovative, stabilizzazione “in body”, e chi più ne ha più ne metta. E che Canon non sia ancora stata in grado di far decollare il proprio sistema mirrorless non è un mistero.

Dimensioni:

Primo tasto dolente. La vasta gamma ottiche Canon dall’attacco EF ed EF-S, studiate per reflex, non possono essere montate direttamente sui corpi mirrorless Canon. Necessitano di un adattatore che ne garantisca il tiraggio. Quindi ti porterai dietro delle ottiche per reflex, quindi dallo stesso ingombro, in più con un adattatore da circa 1,2cm di lunghezza. Cosa ho risparmiato rispetto ad una reflex di Canon? qualche grammo sul corpo macchina…

Ottiche dedicate:

Secondo tasto dolente. La gamma di ottiche EF-M conta 7 lenti. Sette. Quasi più fotocamere che obiettivi.

  • Fissi:
    • 22mm f2 STM
  • Fissi macro:
    • 28mm f3.5 IS STM
  • Zoom:
    • 11-22mm f4-5.6 IS STM
    • 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM
    • 18-55mm f/3.5-5.6 IS STM
    • 18-150mm f/3.5-6.3 IS STM
    • 55-200mm f/4.5-6.3 IS STM

Alzi la mano chi, guardando questa lista di ottiche, pensa che Canon abbia investito seriamente nel proprio sistema mirrorless.

Altre considerazioni:

Tutte le case specializzate in ambito mirrorless provengono da anni e anni di innovazioni nel campo. Olympus per prima ha lanciato il sistema di stabilizzazione a 5 assi sul sensore e ormai anche Sony, Panasonic e da qualche giorno anche Fuji l’hanno adottato. Canon? non pervenuta. Fuji con il sensore X-Trans riesce a garantire qualità al top, e resistenza ad alti ISO eccellente con ottiche di qualità e compatte. Sony garantisce qualità ottima e fotocamere full frame dalle dimensioni e peso dimezzati rispetto a reflex. Il sistema micro 4/3 offre qualità con dimensioni ridicole. Panasonic offre soluzioni video al top a dimensioni da compatta. Ogni sistema di successo ha alcuni propri punti di forza rispetto a tutti gli altri.

Quale sia il punto di forza del sistema mirrorless di Canon, ad oggi, resta un mistero.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: